facebook Gianluca Marchesaniinstagramyoutube Gianluca Marchesanigoogle plus Gianluca Marchesani

Vinitaly 2018. 50 anni di D.O.C. Montepulciano d’Abruzzo ed uno spazio espositivo da primi della classe.

presentazione vinitaly abruzzo 4Presentata a Pescara, all'interno della sala azzurra della regione Abruzzo, l’edizione n°52 del Vinitaly. La più importante kermesse al mondo per il settore enologico, vedrà quest’anno l’Abruzzo come grande protagonista. “È un Abruzzo che corre e che cresce più di altri in termini di esportazioni -queste sono le parole dell'Assessore regionale all'agricoltura Dino Pepe -170 milioni di euro di export ci danno l’idea di quanto l’Abruzzo sia diventato forte a livello internazionale. Circa 2.700.000 euro sono stati destinati per la promozione all'estero con l’OCM vino, misura -promozione sui mercati dei paesi terzi-. L’Abruzzo al Vinitaly non presenterà solo il vino; ci sarà il punto ristoro diventato stellato grazie alla presenza dello Chef Niko Romito. Inoltre al palazzo della Gran Guardia, in piazza Bra, di fronte all’arena di Verona, si svolgerà un importante evento sull'Abruzzo, una cena curata da Abruzzo Qualità. Sarà una grande squadra quella che si presenterà al Vinitaly edizione 2018.”

La parola passa a Valentino Di Campli, Presidente del Consorzio Tutela Vini d'Abruzzo.

“Non tutti hanno ancora colto l'opportunità e la potenzialità non solo del vino abruzzese, ma quanto del suo territorio. Per noi il cinquantenario della D.O.C. Montepulciano d’Abruzzo è un nuovo inizio, una ripartenza e lo testimonia l’enorme sforzo profuso per organizzare questa edizione. Un'area di 1200 metri quadrati in un unico spazio è davvero un risultato. Ci saranno altre novità, una delle quali è una stanza immersiva, nuova, grande, dove immergersi nell’Abruzzo. La comunicazione collettiva amplifica l'effetto mediatico è per questo abbiamo unito sinergicamente tutte le forze in campo, per poter realizzare il nuovo progetto. Altra novità l’angolo bollicine d'Abruzzo.

tti hanno citato e ringraziato il compianto enologo abruzzese Carmine Festa, che con tutte le sue energie, cinquanta anni fa ha creduto e si è impegnato per far nascere la D.O.C.
Alessandro Nicodemi, Presidente del Consorzio Tutela Vini Colline Teramane, pone l’accento sulla suddivisione in province, una grande novità. “Un diamante più è sfaccettato e più ha valore ed in questa area consortile, forse la più grande della fiera, dare valore ai singoli territori per differenziare l'offerta, vorrà dire aumentare l’attenzione nei nostri confronti e crescere sia in valore che in volumi di vendita”.
Nicola D'Auria, Presidente Nazionale del Movimento Turismo del Vino ci parla del convegno/degustazione che ci sarà il giorno 17. Un grande evento con vini dal 68 ad adesso, una sorta di verticale dei 50 anni della D.O.C. Montepulciano d’Abruzzo.
Jenny Viant Gomez, Delegata Regionale dell’Associazione Nazionale Le Donne del Vino, che in Abruzzo ha un organico che si compone di 25 associate tra produttrici, enotecarie, sommelier e giornaliste di settore, ci racconta di un grande momento a chiusura della rassegna veronese. “Quest'anno si celebra il trentennale delle Donne del Vino e la sede dell'assemblea nazionale è stata individuata proprio nello spazio abruzzese. Festeggeremo i fantastici 80, 30 anni di Donne Del Vino e 50 di Montepulciano d’Abruzzo. Il 18 ci sarà una cena di gala all’interno del palazzo della Gran Guardia, che in quella occasione si colorerà di Zafferano dell'Aquila. Sarà un evento solidale a favore di 150 anziani della Residenza sanitaria assistenziale di Fontecchio, in provincia de L’Aquila. Le donne –conclude la Gomez- che non sono un elemento accessorio, bensì propulsivo.”

Alla luce di quello che è emerso in conferenza stampa, ci sono tutti gli elementi per far si che aumenti l’eco attorno all’Abruzzo enologico e non solo e che cresca l’appeal presso i wine lovers, i consumatori di vino e il popolo dei turisti che non ha ancora scelto il nostro territorio per soggiornare. I riflettori ormai sono puntati e questi 50 anni di D.O.C. Montepulciano d’Abruzzo, non sono assolutamente un traguardo, ma una tappa.
Un giro di boa, che a giudicare dalle parole dei protagonisti e dai fatti che vedremo in questo 52° Vinitaly, non potrà che accelerare la marcia inarrestabile dell’Abruzzo.

 

 

ozio_gallery_nano

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti al mio blog!

Facebook

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.